B539/0

CONVERTER POLIACRILICO 2K LUCIDO

CARATTERISTICHE GENERALI
Converter per smalti bicomponenti a base di resine acriliche ossidrilate, pigmenti selezionati resistenti alla luce, per la cui reticolazione sono necessari induritori poliisocianici.
Con queste finiture poliacriliche possono essere realizzate protezioni durature con ottime prestazioni di adesione, resistenze chimiche e meccaniche, buona resistenza all’abrasione e ottima flessibilità.
Sono caratterizzate da elevata velocità di indurimento e buona adesione anche per applicazioni dirette su ferro, leghe leggere e lamiera zincata

SETTORI DI IMPIEGO
Indicato per il taglio con paste concentrate per la creazione di smalti poliacrilici brillanti per la protezione anticorrosiva di strutture in ferro, in lamiera zincata, leghe leggere, opportunamente preparate con fondi epossidici, quali quelli della Serie B522.
Per apparecchi, macchine industriali, veicoli stradali e ferroviari, costruzioni meccaniche, in generale.
Ottima adesione, resistenza chimica e meccanica, buona resistenza all’abrasione. Buona resistenza in atmosfere industriali aggressive, agli agenti atmosferici, agli oli minerali, agli idrocarburi aromatici e ai solventi in generale.
Se catalizzati con poliisocianati alifatici, non ingiallenti, presentano ottime resistenze all’esterno, alla luce e buona ritenzione della brillantezza.

CATALIZZATORE
Standard : B596
Rapporto di catalisi : 30% in peso

MODALITA’ DI UTILIZZO
Convertitore poliacrilico B539/0 :70 pp
Paste concetrate :30 pp
Catalizzatore B596 :30 % in peso
Diluente B312 :0-10

ESSICCAZIONE
Ad aria , a 20°C e 50% U.R.
Fuori polvere : 30” – 40”
Maneggiabile 3 – 4 ore
Duro in profondità : 24 ore ca.
A forno : 30 – 60 ‘ a 60 – 80°C

POT LIFE
Dopo catalisi e diluizione 6 ore a 20°C

CONSIGLI APPLICATIVI
Si raccomanda l’uso di idonei fondi anticorrosivi epossi-poliammidici, quali quelli della Serie B522, per l’ottenimento delle migliori garanzie di resistenza, adesione e protezione nel tempo.

Diluenti : sono da evitare diluenti diversi da quelli specifici per sistemi poliuretanici, in quanto potrebbero contenere solventi dannosi e/o incompatibili con gli induritori poliisocianici.
L’applicazione dei prodotti dovrà avvenire in condizioni ambientali, di temperatura ed umidità, tali da non compromettere il risultato finale, cioè non vanno applicati con temperature inferiori ai 10°C ed umidità relativa superiore all’80%.

Scarica la scheda